LEGO® Serious Play™, uno strumento per costruire risultati

“You can learn more about a person in an hour of play than you can from a lifetime of conversation.”
Plato

Venerdì 19 settembre ho preparato la valigia e ho fatto qualche ora di volo per andare a Barcellona e stare per 4 giorni in full immersion a frequentare il training per facilitatore certificato della metodologia LEGO® Serious Play™.

Perché? Non solo perché giocare con le lego è una cosa che mi diverte 😉 ma soprattutto perché in più di 15 anni di esperienza lavorativa ho potuto constatare che qualsiasi progetto (sia tecnologico-informatico, sia umano) che voglia raggiungere un obiettivo non può prescindere dalle persone. Persone che si trovano a collaborare per il successo del progetto e il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Per fare questo, un ruolo importante lo gioca la capacità delle persone di lavorare insiemecondividere e comprendere gli obiettivi e prendere decisioni.

Nella mia esperienza personale la maggior parte (se non la totalità) dei progetti falliti ha come causa la difficoltà che le persone/organizzazioni coinvolte hanno nell’andare nella stessa direzione (condividere obiettivi, condividere decisioni, accettare la diversità dei punti di vista, dare fiducia, ecc….) anche quando c’è la buona volontà di farlo.

LEGO® Serious Play™ è uno strumento, molto potente, che viene in aiuto proprio in queste circostanze.

Cos’è?  LEGO® Serious Play™ è un processo di esperienza innovativo, progettato per migliorare le prestazioni di un’organizzazione. si basa sulla convinzione che tutti possono contribuire alla discussione, alle decisioni e alla creazione del risultato.

L’utilizzo dei mattoncini lego consente di prendere una scorciatoia veloce per arrivare al cuore della questione. I mattoncini lavorano come un catalizzatore e, utilizzandoli per la costruzione di metafore, innescano processi mentali sia consci che inconsci. Questo perché coinvolgono non solo la parte razionale del nostro cervello ma anche quella emotiva (vera responsabile della maggior parte dei nostri processi decisionali).

LEGO® Serious Play™ poggia su fondamenti di scienze psicologiche come il pensiero sistemico, le teorie del flowcostruzionismo e costruttivismo ed è stato progettato inizialmente dalla Lego per migliorare i processi decisionali interni all’azienda.
In particolare nasce dalla necessità di evitare le riunioni 80-20, cioè quelle riunioni dove l’80% dei contenuti viene generato dal 20% dei partecipanti. Il metodo infatti garantisce la partecipazione 100-100 e non solo: generando una maggiore partecipazione attiva permette a tutti di fare più scoperte e produrre idee migliori, grazie al fatto che le persone si sentono più protagoniste, sono più coinvolte  e mettono più impegno.

Ottenendo di conseguenza decisioni miglioripiù divertimento e quello che lego chiama “hard fun“.

Quando usarlo? LEGO® Serious Play™ è uno strumento che può essere usato quando ci sono: manager coraggiosi e problemi complessi.
Problemi complessi perché LEGO® Serious Play™ dà il massimo quando i partecipanti hanno il potenziale per risolvere il problema ma non ci sono soluzioni ovvie.
E manager coraggiosi che sono pronti a dare ai loro collaboratori la possibilità di avere voce in capitolo dicendo la verità, e accettando che la risposta giusta sia quella costruita con la partecipazione di tutti.

Ad esempio, ha senso usarlo in quei contesti dove è necessario:
– raccogliere e rendere espliciti in un’organizzazione (team, azienda, ecc..) il punto di vista di tutti i componenti;
– prendere una decisione condivisa che sia accettata da tutti i partecipanti come propria;
– lavorare sull’identità di un team;
– immaginare strategie per scenari futuri.
altri casi d’uso sono: prendere decisioni complesse, brainstorming, team building, co-creazione di vision e strategie, retrospettive ma anche compilazione di business model canvas, raccolta di requisiti di un progetto, assessment del personale e tanto altro.

Se vi ho incuriosito, o volete approfondire e parlarne insieme,  il 15 novembre ad Ancona all’italian agile day terrò un talk su questo tema: condividere obiettivi e prendere decisioni con lego serious play. Partecipate!

L’arte di massimizzare il lavoro non svolto è uno dei principi del Manifesto Agile che spinge a lavorare su attività che portino valore al progetto. Si può applicare a contesti operativi e manageriali lavorando sulla complessità delle relazioni tra gli attori di un progetto e il processo di realizzazione.

Come si rapporta con il principio: “La nostra massima priorità è soddisfare il cliente rilasciando software di valore”?

Il talk è un viaggio in un progetto-tipo che mostra quando e come questi principi ci sono di aiuto.

Lorenzo ha tenuto questo talk in più occasioni: all’Agile day 2018Agile Business day 2018Agile Venture Prato 2018Agile O’Day 2019. Di seguito alcuni video e le slide dell’intervento.

Flowing nasce il 19.02.2019 da ideato e extrategy, ecco perché nel video e nelle slide trovi uno di questi brand! Scopri di più sul nostro speciale percorso di co-creazione di Flowing.